Chiesa del SS. Crocifisso d’Ete

Sorge in territorio moglianese, al crocicchio per Montegiorgio e Francavilla d’Ete, lambito dal torrente Ete Morto. La prima pietra, l’11 novembre 1579, fu posta per meno del vescovo di Fermo mons. Pinelli, che ne scelse la collocazione sulla fatiscente miracolosa edicola. Il governo e l’amministrazione furono attribuiti, con bolla di papa Gregorio XIII, alla confraternita del SS. Sacramento, che tuttora li conserva.


La Chiesa del SS. Crocifisso d´Ete di Mogliano sorge in territorio moglianese, al crocicchio per Montegiorgio e Francavilla d´Ete, lambito dal torrente Ete Morto. La prima pietra, l´11 novembre 1579, fu posta per meno del vescovo di Fermo mons. Pinelli, che ne scelse la collocazione sulla fatiscente miracolosa edicola. Il governo e l´amministrazione furono attribuiti, con bolla di papa Gregorio XIII, alla confraternita del SS. Sacramento, che tuttora li conserva. Oggi è nota come Chiesa di Santa Croce, perché nella prima metà del ´700, tale Marcelli vi custodì, portandola da Roma, una preziosa reliquia della Croce di Cristo.Il rinvenimento del sacro legno sarebbe avvenuto ad opera dell´imperatrice Sant´Elena il 3 maggio del 326, nel corso di un viaggio in Terra Santa. La planimetria della Chiesa, a navata unica con volta a botte di mattoni a vista, che scarica il peso sulle pareti attraverso dieci peduncoli, assume la forma di croce latina per l´apertura di due cappelle laterali all´altezza del transetto. In mezzo al transetto si innalza un tempietto dorico rinascimentale in pietra moscata a base quadrata e piano superiore ottagonale, chiuso da un capolino con tamburo alleggerito da finestre. Il tempietto richiama quello della Santa Casa di Loreto. All’esterno del tempio sono raffigurate le seguenti scene: Cristo in preghiera nell’orto degli ulivi, la flagellazione e Gesù che cade sotto la Croce. Nella parte interna invece, troviamo l’affresco risalente al XIV sec. raffigurante l’Eterno Padre che sostiene il Figlio Crocifisso. Sempre all’interno risaltano i dipinti del 1594 di Pier Francesco Renolfi da Novara: a sinistra i Santi Martino, Biagio e Lucia e a destra uno raffigurante la Sacra Famiglia e San Giovannino. Nella parte alta interna del tempio, possiamo notare l’Eterno Padre circondato da quattro Profeti e quattro Sibille. È tradizione e credenza porre la mano sul marmo posteriore del saccello, dove è raffigurata la “Flagellazione”, per rilevare dalla trasudazione del marmo, l’arrivo di una pioggia provvidenziale per il raccolto. A definire la zona inferiore esterna, una trabeazione classica coronata da architravi, entro cui si sviluppa un arco a tutto sesto, impiantato su colonne doriche. La Chiesa del SS. Crocifisso d’Ete esercita ancora oggi un fascino particolare sugli abitanti di Mogliano e dei dintorni. L’appuntamento principale è per la festa di santa Croce il 3 maggio. Oltre alle celebrazioni liturgiche e alla fiera, è l’appuntamento per la tradizionale merenda sui prati.

Informazioni

Nome della tabella
Indirizzo località Santa Croce

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Mogliano dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Credits | Privacy | Note legali